Service/Eventi Club 2022

24/09/2022
Caminetto culturale al Sacrario del Monte Pasubio.

In una tipica giornata autunnale i soci del Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia si sono ritrovati in uno dei luoghi simbolo della Grande Guerra, l’Ossario del Pasubio, per rendere omaggio agli oltre 5.000 soldati caduti, molti dei quali in giovanissima età.

L’invito, pervenuto dalla segreteria della Fondazione “3 Novembre”, è stato inviato da Daniele Andreose, responsabile volontario del Sacrario e della Fondazione. La giornata è iniziata nel luogo dove è installato il defibrillatore donato dal nostro Club ed è proseguita con la visita all’Ossario, nella cui chiesetta sono stati deposti dei fiori e, successivamente, il gruppo si è diretto al museo poco lontano. Durante tutto il percorso il segretario Andreose ha illustrato e intrattenuto i soci con spiegazioni storiche chiare ed esaustive.

Il M° Giuliano Fracasso, che si era unito al nostro gruppo, ha suonato, in un momento di raccoglimento davanti al Sacrario, il “Signore delle Cime” e il “Silenzio”.

Nel pomeriggio i soci e gli amici presenti si sono ritrovati al rifugio Cornetto per una conviviale allietata da canti, musica e cucina tradizionale.
http://www.ossariodelpasubio.it/

03/09/2022
Donate otto Happy Card per famiglie ucraine bisognose.

Il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ha donato otto Happy Card del valore di euro 50,00 cad.una a padre Veniamin Onu, titolare della Chiesa Ortodossa di Vicenza.

Le Card sono state affidate al nostro Club dal Distretto Rotary per essere donate alle famiglie bisognose ucraine, per l’acquisto di viveri di prima necessità. Il Padre, personalmente, ogni mese si reca in quelle Terre martoriate dalla guerra a consegnare aiuti.

L’incontro del presidente Gilberto Padovan con il padre ortodosso Veniamin Onu ha lanciato un filo diretto con l’Ucraina e aperto un nuovo dialogo per ulteriori aiuti umanitari rivolti alle popolazioni coinvolte nel grave conflitto con la Russia.

Ringraziamenti del padre Veniamin Onu al Club (05-09-2022).
“Gentili Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia e Gilberto Padovan. Vi scrivo questa mail per ringraziarvi di cuore per l’aiuto delle famiglie di rifugiati Ucraini. Insieme abbiamo aiutato 8 famiglie ovvero 32 persone compresi i bambini. Le 8 tessere sono state consegnate in Chiesa ai rifugiati.
Il Consiglio Parrocchiale della Chiesa Ortodossa San Nicola di Vicenza, via Porta Santa Croce 55, vi ringrazia immensamente.”

23/08/2022
Interclub con il Rotary Cadore-Cortina: conferenza sul clima e la meteorologia.

E’ giunta al traguardo la programmazione di conferenze sul clima e la meteorologia che il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ha organizzato nel corso dell’anno rotariano 2021-2022. Sette appuntamenti, con le comunità venete, che hanno contribuito a rafforzare la consapevolezza e l’attenzione dei singoli verso questo importante problema che affligge l’intero pianeta.

Quest’ultimo incontro si è svolto a Cortina d’Ampezzo presso la “Sala Cultura” del Comune. Sono intervenuti, oltre al Prefetto del Club Cadore-Cortina, Paola Franco, il presidente del Club Piscopia Gilberto Padovan, il direttore del Centro Valanghe di Arabba ARPA Veneto Gianni Marigo e il glaciologo e geologo Franco Secchieri.

La conferenza è stata organizzata grazie al contributo dell’Amministrazione Comunale di Cortina d’Ampezzo e la partecipazione del Rotary Club Cadore-Cortina.

14/08/2022
Conferenza sul Clima e interclub con il Rotary Asiago Altopiano dei Sette Comuni.

Sta per giungere a conclusione la programmazione che il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, guidato dal presidente fondatore Gilberto Padovan, ha intrapreso con una serie di conferenze nel territorio veneto sul tema “Clima e Ghiacciai: il caso Dolomiti”. Iniziative che il Club ha organizzato per una capillare sensibilizzazione delle comunità verso il grave problema climatico e meteorologico che in questi ultimi tempi affligge il nostro pianeta.

Tali incontri, in collaborazione con le amministrazioni pubbliche locali, sono stati apprezzati dalle numerose persone che vi hanno assistito.

Durante la conferenza di Asiago, presso la sala consigliare del Comune, penultima tappa di questo percorso formativo, dopo il saluto dell’Assessore alla Cultura Michela Rodighiero, sono intervenuti Francesco Rech dell’ARPA Veneto, Franco Secchieri, glaciologo e geologo, e Daniele Zovi, ex generale del Corpo Forestale e scrittore.

Le relazioni, proseguite per circa due ore nello splendido salone affrescato da Alessandro Pomi, si sono concluse con interventi anche dal pubblico presente.

25/06/2022
Giornata ricordo della Laurea di Elena Cornaro Piscopia.

Sabato, 25 giugno, una delegazione del Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia si è recata all’Università degli Studi di Padova per ricordare i giorno della sua Laurea, conseguita nel 1678.

Dopo una breve presentazione, il presidente Gilberto Padovan ha deposto una corona di alloro presso la Statua di Piscopia, sita ai piedi dello Scalone Antico del Bo.

Successivamente il gruppo di soci e consorti si è trasferito presso la Basilica di Santa Giustina, dove è stato accolto dall’Abate Giulio Pagnoni. Dopo un ulteriore discorso di approfondimento della figura della prima donna laureata al mondo, oblata benedettina, è stato deposto un mazzetto di fiori di campo sulla sua tomba nella Cappella di San Luca.

Quest’ultima iniziativa ha chiuso ufficialmente l’anno rotariano del Club.

19/06/2022
Festa del Martelletto.

A Fumane, in Valpolicella (Verona), presso l’Azienda Agricola Paolo Cottini si è tenuta la festa del Martelletto del Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia a chiusura dell’anno sociale 2021-2022.

La giornata è iniziata con una speciale accoglienza nella bottaia, dove sono intervenuti, oltre ai soci, familiari ed amici. Ha portato il saluto l’europarlamentare Paolo Borchia ed è stato consegnato un dono da parte del Club alla famiglia Paolo Cottini. A ricordo della giornata tutti i soci presenti hanno posto la loro firma su una botte di legno di rovere di Amarone.

La cerimonia è poi continuata nella grande sala al piano terra alla presenza dell’Assistente del Governatore, Massimo Pretto, ed è stata scandita dagli interventi istituzionali e dalla spillatura di tre nuovi soci: Chiara Franzon, Marielena Verde e Franco Secchieri.

Il presidente Gilberto Padovan ha successivamente illustrato quanto è stato realizzato nell’annata in corso, premiando il socio Claudio Gori con il “Paul Harrris Fellow” per il suo costante e serio impegno a favore del Club.

Un vivo ringraziamento è stato rivolto anche a tutti coloro che hanno sostenuto con dedizione di servizio i progetti programmati, in particolare il socio Enrico Naccari che con il contributo economico dell’ associazione “Task Force 45“ ha permesso la realizzazione di tre concerti.

Ha allietato l’atmosfera della festa il gruppo musicale “Quathrios”, di cui fa parte Paolo Leoni che ha per noi realizzato il logo del Club.

La giornata si è conclusa con la presentazione del nuovo Direttivo e delle Commissioni dell’annata sociale 2022-2023.

07/06/2022
Conferenza Italo/Ungherese su “Le regole del lavoro” presso l’Archivio Antico dell’Università degli Studi di Padova.

La conferenza organizzata dall’Università di Padova, in collaborazione con il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, l’IRLESS e sotto il patrocinio del Consolato Generale Onorario di Ungheria di Verona, Padova, Vicenza e Mantova, si è svolta presso l’Archivio Antico del Bo con un intervento analitico del Prof. Horváth István (Head of Department of Labour Law and Social Law, Faculty of Law, Eötvös Loránd Uiversity, Budapest – Hungary) sul tema attuale dei contratti di lavoro: un confronto tra la situazione dell’Ungheria e quella dell’Italia, alla luce della approvazione da parte della Commissione Europea della Direttiva sul salario minimo.

Nel contesto globale è emerso che lo scambio di conoscenze tecniche, culturali e giuridiche è fondamentale per consentire alle imprese di operare al meglio e con maggiore consapevolezza tanto nel mercato unico europeo tanto in quello internazionale, garantendo il fondamentale rispetto della dignità della persona umana.

Significativi due aspetti: in primo luogo, la fortunata coincidenza dell’approvazione da parte della Commissione Europea della Direttiva sul salario minimo, proprio la notte precedente all’evento patavino; in secondo luogo, averne parlato all’Università di Padova è significato avere una linea di continuità con le innovazioni e le aperture ai cambiamenti sociali ed economici.

Hanno portato i loro indirizzi di saluto la Prof.ssa Elena Pariotti, direttrice del Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Padova; il dott. Dániel Paschek, Commercial Attaché del Consolato Generale di Ungheria di Milano; il Prof. Manlio d’Agostino Panebianco, Chairman of Institute for Research of Law, Economical and Social Studies; Gr. Uff. Dott. Gilberto Padovan, Presidente del Rotary Club Elena Lucrezia Cornaro Piscopia.

Ha condotto la conferenza il Prof. Andrea Sitzia del Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Padova. Oltre al prof. Horváth István, hanno esposto le loro relazioni l’avv. Davide Tardivo, dottore di Ricerca in Diritto del Lavoro presso l’Università degli Studi di Padova; il Prof. Filippo Viglione, presidente del Corso di Laurea Triennale in Diritto dell’Economia, Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell’ Università degli Studi di Padova.

21/05/2022
Interclub con il Rotary Belluno e la Comunità.

Continua il percorso veneto di conferenze sul clima intrapreso dal Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia.

Questa volta è toccato alla città di Belluno; l’appuntamento si è tenuto nella sala Bianchi ,“Eliseo Dal Pont,” in collaborazione con il Comune.

Sono intervenuti l’assessore all’Ambiente e Mobilità Alberto Simiele, il presidente del Rotary Piscopia Gilberto Padovan, il presidente incoming del Rotary Belluno Gianmarco Zanchetta, il geologo e glaciologo Franco Secchieri, il dirigente ARPA Veneto Massimo Enrico Ferrario e, in collegamento dalla Città del Messico, il ricercatore dell’Istituto IPCC Simone Lucatello.

Di seguito l’articolo del giornalista Fabrizio Ruffini, apparso nel Corriere delle Alpi, il 22-5-2022, che descrive in sintesi l’incontro.

07/05/2022
Un aiuto ai più piccoli.

Questa volta è stata la città di Adria (Ro) ad ospitare il concerto di sensibilizzazione per una raccolta fondi a favore del “Centro Aiuto alla Vita” locale che il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ha organizzato presso la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, grazie alla Curia di Adria e Rovigo e all’arciprete Mons. Matteo De Mori.

Il soprano Simonetta Baldin, il mezzo soprano Maria Giovanna Lazzarin e l’organista Antonio Camponogara hanno interpretato lo “Stabat Mater” di G.B. Pergolesi e l’ “Ave Verum Corpus” di W.A. Mozart davanti al pubblico presente che ha molto apprezzato il programma del concerto per organo e solisti, dedicato ai bambini, spesso non tenuti in adeguata considerazione dalla società, sostenendo loro e le loro madri, per un avvio dignitoso verso la vita futura.

30/04/2022
Verona, Museo di Storia Naturale.

Altro appuntamento con la conferenza su “Clima e Ghiacciai: il caso Dolomiti”. Ad ospitare l’iniziativa itinerante, per la sensibilizzazione delle comunità, promossa dal Rotary Club D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, è stato il Museo di Storia Naturale di Verona.

L’incontro culturale è stato sostenuto dal Comune Scaligero e precisamente dall’assessore Francesca Briani e dalla direttrice dei musei veronesi Francesca Rossi.

Ha presentato e condotto la conferenza il presidente Rotary Gilberto Padovan e, successivamente, sono intervenuti il prof. Leonardo Latella (direttore del Museo) parlando dei ghiacciai sotterranei; il prof. Franco Secchieri spiegando i fenomeni geologici e glaciologici che si stanno verificando sull’arco alpino, in particolare su quello dolomitico ed, infine, il prof. Massimo Enrico Ferrario che ha esposto un’analisi dettagliata sul cambiamento meteorologico e climatico del nostro pianeta.

09/04/2022
Padova: visita al Palazzo della Ragione e concerto/service di sensibilizzazione per il restauro delle campane di Santa Giustina.

E’ stato un pomeriggio intenso quello dedicato alla città di Padova. Cultura e musica si sono fuse in un caminetto organizzato dal Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia.

L’incontro è iniziato con la visita al Ciclo Pittorico del Trecento (Patrimonio UNESCO), grazie alla disponibilità e sensibilità dell’assessore alla cultura del Comune di Padova Andrea Colasio. Ammirati i dipinti che riprendono soggetti astrologici complessi collegati al tema della giustizia divina e terrena che si amministrava in quella sede, secondo l’impostazione originale del ciclo giottesco, ispirata da Pietro d’Abano.

Presenti anche l’ambasciatore della Malaysia, presso la Repubblica Italiana, Melvin Castelino e il nostro socio, console della Malaysia per il nord Italia, Manlio d’Agostino Panebianco. Nel corso della serata l’incontro con la comunità patavina è proseguito nella Basilica di Santa Giustina (Prato della Valle) sotto la giuda dell’abate Giulio Pagnoni, con un concerto in sintonia con l’attuale tempo religioso: “Stabat mater” e “Ave Verum Corpus”. Presenti gli artisti: l’organista Antonio Camponogara, il soprano Simonetta Baldin e il mezzo soprano Maria Giovanna Lazzarin.

Un momento di riflessione anche per le gravi difficoltà della comunità internazionale. Nel luogo ove riposa anche il corpo di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, precisamente nella Cappella di San Luca, è iniziato un service a favore di una raccolta fondi per l’intervento di manutenzione al complesso campanario della Basilica per ritrovare l’equilibrio settenario armonico dei rintocchi dei bronzi che hanno scandito il tempo del Monastero e della vita della Città.

08/04/2022
Interclub in videoconferenza della produzione artistica “ Giudicata colpevole…”

Gilberto Padovan, presidente del Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, rivolgendosi ai Presidenti dei Rotary Club, Inner Wheel, Soroptimist, Donna Chiama Donna di Vicenza e provincia ha presentato in anteprima la produzione artistica “Giudicata Colpevole…”, che sarà portata nei vari teatri italiani.

Il collegamento in streaming live è avvenuto con il direttore artistico Monique Pepi, coreografa neoclassica e docente di tecnica accademica a livello internazionale e l’avv. Agata Armanetti, impegnata nei centri antiviolenza della Liguria e, in tale veste, componente anche del Consiglio Regionale che, con grande sensibilità, hanno esporto il fenomeno della violenza sulle donne con un’analisi approfondita.

Il Rotary Club Piscopia, appoggiando questa iniziativa artistica , si è proposto di rimarcare l’importanza di tale tema, sensibilizzando l’opinione pubblica attraverso i vari Club. Un’azione doverosa, in un contesto sociale molto delicato che, attraverso corpi e volti femminili, racchiude storie drammatiche e molti dolori.

Giovedì, 5 maggio, a Vicenza, si è tenuta una conferenza stampa nel Salone degli Stucchi di Palazzo Trissino, sede di rappresentanza del Comune, con l’assessore alle Pari Opportunità Valeria Porelli, la coreografa e regista Monique Pepi, il presidente del Teatro Comunale Enrico Hullweck e il presidente della commissione Rotary Foundation del Club Passport Piscopia, Martino Montagna. Oltre alla presentazione alla stampa dello spettacolo, in prima nazionale, “Giudicata Colpevole”, è stata sottolineata l’importanza del ruolo che ha avuto il Rotary Passport Piscopia nell’azione di sensibilizzazione nei confronti di questo grave problema sociale presso varie associazioni culturali tra cui i Rotary Club, Inner Weel e Soroptimist.

02/04/2022
Conferenza interclub con il Rotary Club Schio Thiene

Grazie all’Assessorato alla Cultura del Comune di Schio si è tenuta una conferenza su “Clima e Ghiacciai: il caso Dolomiti” a Palazzo Toaldi Capra.

L’incontro è stato il frutto dell’organizzazione simbiotica tra il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia e il Rotary Club di Schio Thiene. Dopo l’introduzione di Gilberto Padovan (Presidente del Rotary Club Piscopia), di Fiorello Zaupa (Presidente del Rotary Club Schio Thiene) e il saluto del Sindaco Valter Orsi, Massimo Enrico Ferrario (ARPA Veneto) ha tenuto una relazione sullo stato attuale e quello futuro del clima nel mondo ed in particolare nel Veneto: clima che appare sempre più orientato al surriscaldamento terrestre, con conseguente incremento di variazioni anche anomale metereologiche che avranno possibili ripercussioni economiche, sociali oltre che ambientali. Nella seconda parte della conferenza Franco Seccheri, geologo, glaciologo e Presidente del Servizio Glaciologico del C.A.I. Alto Adige, ha analizzato le conseguenze dei cambiamenti climatici sui ghiacciai delle Dolomiti nonché le modifiche del paesaggio d’alta quota che appare sempre più caratterizzato da attività franose, proprio per il progressivo e inesorabile processo di “estinzione” dei ghiacciai.

Le relazioni hanno suscitato grande interesse presso il pubblico presente.

29/03/2022
Conferenza interclub con Rotary Club Rovigo

L’incontro, organizzato congiuntamente tra il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia e il Rotary Club Rovigo presso l’Accademia dei Concordi a Rovigo, è stato introdotto da Giovanni Boniolo, Presidente Accademia dei Concordi. Franco Seccheri, geologo esperto di glaciologia e presidente del Servizio Glaciologico del CAI Alto Adige, ha analizzato le influenze dei cambiamenti climatici sui ghiacciai presenti nelle Dolomiti, alla luce dei cambiamenti climatici in atto nonché le modifiche del paesaggio d’alta quota. Francesco Rech di Arpav ha poi illustrato la situazione climatica attuale nella regione Veneto.

E’ seguito un incontro conviviale a cui hanno partecipato i relatori e numerosi soci di entrambe i Club. Gilberto Padovan (Presidente del Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia) e Roberto Saro (Presidente del Rotary Club Rovigo) hanno stimolato il pubblico prima ed i soci poi con i loro interventi. Un ringraziamento particolare al Rotary Club Rovigo per l’eccellente ospitalità e collaborazione Interclub.

22/03/2022
Sostegno concreto ai bambini orfani ucraini arrivati a Padova

Il Rotary Club Passport Elena Lucrezia Cornaro Piscopia è intervenuto con un sostegno concreto per i 63 bambini ucraini orfani e in fuga dalla guerra nel loro paese, arrivati a Padova e ospitati presso il Seminario Minore di Rubano grazie anche all’impegno dell’associazione “L’isola che non c’è” di Teolo e del suo presidente Paolo Giurisato.

Il Rotary Piscopia, distretto 2060, con fondi propri ha donato beni nuovi quali vestiario per bambini e ragazzi, lenzuola e federe, asciugamani, tute, scarpe da ginnastica, giubbotti e altri beni per rendere più confortevole la permanenza dei bambini. E’ stata l’occasione per donare anche molte focacce e colombe pasquali affinchè nei momenti di ristoro possano ricevere gioia, serenità e pace.

La consegna è avvenuta presso il magazzino di raccolta di Teolo ed alla presenza di Paolo Giurisato, del presidente del Rotary Club Piscopia Gilberto Padovan accompagnato da una delegazione del Club. Il nostro ringraziamento va anche ai volontari della Protezione Civile che hanno aiutato con lo stoccaggio dei beni.

07/03/2022
Visita al Rettore Daniela Mapelli dell’Università degli Studi di Padova

Il rapporto tra il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia e l’Università degli Studi di Padova è strettamente legato al nome che porta il Club dalla sua fondazione, avvenuta il 7 luglio del 2021. Infatti Lucrezia Cornaro, veneziana, visse per lungo tempo a Padova, laureandosi in Filosofia, il 25 giugno 1678 e lì morì il 26 luglio 1684.

La visita al Rettore Daniela Mapelli, lunedì 7 marzo, ha consolidato questo rapporto naturale e ha teso un filo diretto per future iniziative mirate a creare azioni culturali durature con l’Ateneo.

Per l’occasione sono intervenuti i seguenti rappresentanti del Club: Gilberto Padovan (Presidente Fondatore), Daniela Famiglietti (Vicepresidente), Fabrizio Cacciabue (Consigliere Commissione Effettivo), Paolo Toffanin (Consigliere Commissione Cultura), Massimiliano Maschio (Presidente Commissione Amministrazione) e Luca Bonifazi (Consigliere Rotary Foundation).

06/03/2022
Raccolta libri nelle provincie di Vicenza e Padova per l’allestimento di una biblioteca pubblica presso la Scuola Elementare del Comune di Zovencedo (VI)

Quando il Rotary fa cultura e crea azioni durature presso le comunità.

E’ quello che è successo nei giorni scorsi a favore del Comune di Zovencedo al centro dei Colli Berici. Il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, presieduto da Gilberto Padovan, ha messo in campo una raccolta libri nelle provincie di Vicenza e Padova per l’allestimento di una biblioteca pubblica presso la Scuola Elementare dell’omonimo comune.

Sono stati raccolti più di cinquemila volumi rappresentativi di quasi tutti gli ambiti della conoscenza. Una grande iniziativa mirata, soprattutto, al coinvolgimento delle nuove generazioni.

Alla consegna sono intervenuti il Sindaco Stefania Marchesini, l’assessore alla viabilità Romano Gaspari e il consigliere delegato alla Cultura Samuel Rossi.

Nella stessa giornata sono stati accolti nel nostro Club e spillati i seguenti nuovi soci: Paola Burato, Paolo Patruno, Francesco Magliarditi, Manlio d’Agostino Panebianco e Paolo Cottini.

La cerimonia si è tenuta a Montebello Vicentino, alla presenza anche dell’assistente territoriale Rotary Massimo Pretto e alla presidente dell’Inner Wheel “Sibilla De Cetto” di Padova.

27/01/2022
Giornata della Memoria

La Musica Rende Liberi”. Questo è il titolo dell’evento che il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ha organizzato nella chiesa paleocristiana dei S.S. Felice e Fortunato, a Vicenza, in collaborazione con l’Associazione Arsamanda, per sensibilizzare la comunità su quella che è stata la tragedia umanitaria della Shoah.

Il programma, presentato da Maurizia Piva, ha spaziato dalla musica alla lettura di documenti e di ricordi dei sopravvissuti.

La frase sopra citata, fil rouge, che ha collegato gli aspetti approfonditi nel corso della serata, era stata scritta da una ragazza ebrea, prigioniera in un lager, che sperava di sopravvivere grazie alla musica. Non è stato così!

Attraverso la sua storia e la storia di altre donne si è voluta ricordare l’esistenza, ancora oggi poco nota, di decine di migliaia di prigioniere, colpevoli di essere prima ebree, poi donne.

L’evento è stato dedicato proprio a loro, a quell’universo femminile silenzioso, ma si è posto anche l’accento sul ruolo che ha avuto la musica, o meglio il fare musica, in quell’inferno terreno che sono stati i campi di concentramento. Molti spettatori saranno stati profondamente e tristemente sorpresi nel sentire quanti prigionieri hanno cercato di trovare un po’ di sollievo o una ragione per resistere ai maltrattamenti disumani, suonando strumenti musicali di fortuna, formando piccoli gruppi di musicisti, arrivando a creare, in qualche caso, vere e proprie orchestre, a volte apprezzate perfino dai nazisti. In quel caso è capitato che, grazie al talento musicale, la condanna a morte sia stata posticipata, anche se di poco: un ulteriore esempio di crudeltà inaudita.

La narrazione è stata affidata alla scrittrice e storica Raffaella Calgaro, mentre protagonisti della parte musicale sono stati il violinista Alessandro Scaramella, il pianista Alessandro Marini, la soprano Paola Burato e il mezzosoprano Maria Giovanna Lazzarin.