Service/Eventi Club

07/05/2022
Un aiuto ai più piccoli.

Questa volta è stata la città di Adria (Ro) ad ospitare il concerto di sensibilizzazione per una raccolta fondi a favore del “Centro Aiuto alla Vita” locale che il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ha organizzato presso la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, grazie alla Curia di Adria e Rovigo e all’arciprete Mons. Matteo De Mori.

Il soprano Simonetta Baldin, il mezzo soprano Maria Giovanna Lazzarin e l’organista Antonio Camponogara hanno interpretato lo “Stabat Mater” di G.B. Pergolesi e l’ “Ave Verum Corpus” di W.A. Mozart davanti al pubblico presente che ha molto apprezzato il programma del concerto per organo e solisti, dedicato ai bambini, spesso non tenuti in adeguata considerazione dalla società, sostenendo loro e le loro madri, per un avvio dignitoso verso la vita futura.

30/04/2022
Verona, Museo di Storia Naturale.

Altro appuntamento con la conferenza su “Clima e Ghiacciai: il caso Dolomiti”. Ad ospitare l’iniziativa itinerante, per la sensibilizzazione delle comunità, promossa dal Rotary Club D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, è stato il Museo di Storia Naturale di Verona.

L’incontro culturale è stato sostenuto dal Comune Scaligero e precisamente dall’assessore Francesca Briani e dalla direttrice dei musei veronesi Francesca Rossi.

Ha presentato e condotto la conferenza il presidente Rotary Gilberto Padovan e, successivamente, sono intervenuti il prof. Leonardo Latella (direttore del Museo) parlando dei ghiacciai sotterranei; il prof. Franco Secchieri spiegando i fenomeni geologici e glaciologici che si stanno verificando sull’arco alpino, in particolare su quello dolomitico ed, infine, il prof. Massimo Enrico Ferrario che ha esposto un’analisi dettagliata sul cambiamento meteorologico e climatico del nostro pianeta.

09/04/2022
Padova: visita al Palazzo della Ragione e concerto/service di sensibilizzazione per il restauro delle campane di Santa Giustina.

E’ stato un pomeriggio intenso quello dedicato alla città di Padova. Cultura e musica si sono fuse in un caminetto organizzato dal Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia.

L’incontro è iniziato con la visita al Ciclo Pittorico del Trecento (Patrimonio UNESCO), grazie alla disponibilità e sensibilità dell’assessore alla cultura del Comune di Padova Andrea Colasio. Ammirati i dipinti che riprendono soggetti astrologici complessi collegati al tema della giustizia divina e terrena che si amministrava in quella sede, secondo l’impostazione originale del ciclo giottesco, ispirata da Pietro d’Abano.

Presenti anche l’ambasciatore della Malaysia, presso la Repubblica Italiana, Melvin Castelino e il nostro socio, console della Malaysia per il nord Italia, Manlio d’Agostino Panebianco. Nel corso della serata l’incontro con la comunità patavina è proseguito nella Basilica di Santa Giustina (Prato della Valle) sotto la giuda dell’abate Giulio Pagnoni, con un concerto in sintonia con l’attuale tempo religioso: “Stabat mater” e “Ave Verum Corpus”. Presenti gli artisti: l’organista Antonio Camponogara, il soprano Simonetta Baldin e il mezzo soprano Maria Giovanna Lazzarin.

Un momento di riflessione anche per le gravi difficoltà della comunità internazionale. Nel luogo ove riposa anche il corpo di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, precisamente nella Cappella di San Luca, è iniziato un service a favore di una raccolta fondi per l’intervento di manutenzione al complesso campanario della Basilica per ritrovare l’equilibrio settenario armonico dei rintocchi dei bronzi che hanno scandito il tempo del Monastero e della vita della Città.

08/04/2022
Interclub in videoconferenza della produzione artistica “ Giudicata colpevole…”

Gilberto Padovan, presidente del Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, rivolgendosi ai Presidenti dei Rotary Club, Inner Wheel, Soroptimist, Donna Chiama Donna di Vicenza e provincia ha presentato in anteprima la produzione artistica “Giudicata Colpevole…”, che sarà portata nei vari teatri italiani.

Il collegamento in streaming live è avvenuto con il direttore artistico Monique Pepi, coreografa neoclassica e docente di tecnica accademica a livello internazionale e l’avv. Agata Armanetti, impegnata nei centri antiviolenza della Liguria e, in tale veste, componente anche del Consiglio Regionale che, con grande sensibilità, hanno esporto il fenomeno della violenza sulle donne con un’analisi approfondita.

Il Rotary Club Piscopia, appoggiando questa iniziativa artistica , si è proposto di rimarcare l’importanza di tale tema, sensibilizzando l’opinione pubblica attraverso i vari Club. Un’azione doverosa, in un contesto sociale molto delicato che, attraverso corpi e volti femminili, racchiude storie drammatiche e molti dolori.

Giovedì, 5 maggio, a Vicenza, si è tenuta una conferenza stampa nel Salone degli Stucchi di Palazzo Trissino, sede di rappresentanza del Comune, con l’assessore alle Pari Opportunità Valeria Porelli, la coreografa e regista Monique Pepi, il presidente del Teatro Comunale Enrico Hullweck e il presidente della commissione Rotary Foundation del Club Passport Piscopia, Martino Montagna. Oltre alla presentazione alla stampa dello spettacolo, in prima nazionale, “Giudicata Colpevole”, è stata sottolineata l’importanza del ruolo che ha avuto il Rotary Passport Piscopia nell’azione di sensibilizzazione nei confronti di questo grave problema sociale presso varie associazioni culturali tra cui i Rotary Club, Inner Weel e Soroptimist.

02/04/2022
Conferenza interclub con il Rotary Club Schio Thiene

Grazie all’Assessorato alla Cultura del Comune di Schio si è tenuta una conferenza su “Clima e Ghiacciai: il caso Dolomiti” a Palazzo Toaldi Capra.

L’incontro è stato il frutto dell’organizzazione simbiotica tra il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia e il Rotary Club di Schio Thiene. Dopo l’introduzione di Gilberto Padovan (Presidente del Rotary Club Piscopia), di Fiorello Zaupa (Presidente del Rotary Club Schio Thiene) e il saluto del Sindaco Valter Orsi, Massimo Enrico Ferrario (ARPA Veneto) ha tenuto una relazione sullo stato attuale e quello futuro del clima nel mondo ed in particolare nel Veneto: clima che appare sempre più orientato al surriscaldamento terrestre, con conseguente incremento di variazioni anche anomale metereologiche che avranno possibili ripercussioni economiche, sociali oltre che ambientali. Nella seconda parte della conferenza Franco Seccheri, geologo, glaciologo e Presidente del Servizio Glaciologico del C.A.I. Alto Adige, ha analizzato le conseguenze dei cambiamenti climatici sui ghiacciai delle Dolomiti nonché le modifiche del paesaggio d’alta quota che appare sempre più caratterizzato da attività franose, proprio per il progressivo e inesorabile processo di “estinzione” dei ghiacciai.

Le relazioni hanno suscitato grande interesse presso il pubblico presente.

29/03/2022
Conferenza interclub con Rotary Club Rovigo

L’incontro, organizzato congiuntamente tra il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia e il Rotary Club Rovigo presso l’Accademia dei Concordi a Rovigo, è stato introdotto da Giovanni Boniolo, Presidente Accademia dei Concordi. Franco Seccheri, geologo esperto di glaciologia e presidente del Servizio Glaciologico del CAI Alto Adige, ha analizzato le influenze dei cambiamenti climatici sui ghiacciai presenti nelle Dolomiti, alla luce dei cambiamenti climatici in atto nonché le modifiche del paesaggio d’alta quota. Francesco Rech di Arpav ha poi illustrato la situazione climatica attuale nella regione Veneto.

E’ seguito un incontro conviviale a cui hanno partecipato i relatori e numerosi soci di entrambe i Club. Gilberto Padovan (Presidente del Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia) e Roberto Saro (Presidente del Rotary Club Rovigo) hanno stimolato il pubblico prima ed i soci poi con i loro interventi. Un ringraziamento particolare al Rotary Club Rovigo per l’eccellente ospitalità e collaborazione Interclub.

22/03/2022
Sostegno concreto ai bambini orfani ucraini arrivati a Padova

Il Rotary Club Passport Elena Lucrezia Cornaro Piscopia è intervenuto con un sostegno concreto per i 63 bambini ucraini orfani e in fuga dalla guerra nel loro paese, arrivati a Padova e ospitati presso il Seminario Minore di Rubano grazie anche all’impegno dell’associazione “L’isola che non c’è” di Teolo e del suo presidente Paolo Giurisato.

Il Rotary Piscopia, distretto 2060, con fondi propri ha donato beni nuovi quali vestiario per bambini e ragazzi, lenzuola e federe, asciugamani, tute, scarpe da ginnastica, giubbotti e altri beni per rendere più confortevole la permanenza dei bambini. E’ stata l’occasione per donare anche molte focacce e colombe pasquali affinchè nei momenti di ristoro possano ricevere gioia, serenità e pace.

La consegna è avvenuta presso il magazzino di raccolta di Teolo ed alla presenza di Paolo Giurisato, del presidente del Rotary Club Piscopia Gilberto Padovan accompagnato da una delegazione del Club. Il nostro ringraziamento va anche ai volontari della Protezione Civile che hanno aiutato con lo stoccaggio dei beni.

07/03/2022
Visita al Rettore Daniela Mapelli dell’Università degli Studi di Padova

Il rapporto tra il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia e l’Università degli Studi di Padova è strettamente legato al nome che porta il Club dalla sua fondazione, avvenuta il 7 luglio del 2021. Infatti Lucrezia Cornaro, veneziana, visse per lungo tempo a Padova, laureandosi in Filosofia, il 25 giugno 1678 e lì morì il 26 luglio 1684.

La visita al Rettore Daniela Mapelli, lunedì 7 marzo, ha consolidato questo rapporto naturale e ha teso un filo diretto per future iniziative mirate a creare azioni culturali durature con l’Ateneo.

Per l’occasione sono intervenuti i seguenti rappresentanti del Club: Gilberto Padovan (Presidente Fondatore), Daniela Famiglietti (Vicepresidente), Fabrizio Cacciabue (Consigliere Commissione Effettivo), Paolo Toffanin (Consigliere Commissione Cultura), Massimiliano Maschio (Presidente Commissione Amministrazione) e Luca Bonifazi (Consigliere Rotary Foundation).

06/03/2022
Raccolta libri nelle provincie di Vicenza e Padova per l’allestimento di una biblioteca pubblica presso la Scuola Elementare del Comune di Zovencedo (VI)

Quando il Rotary fa cultura e crea azioni durature presso le comunità.

E’ quello che è successo nei giorni scorsi a favore del Comune di Zovencedo al centro dei Colli Berici. Il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, presieduto da Gilberto Padovan, ha messo in campo una raccolta libri nelle provincie di Vicenza e Padova per l’allestimento di una biblioteca pubblica presso la Scuola Elementare dell’omonimo comune.

Sono stati raccolti più di cinquemila volumi rappresentativi di quasi tutti gli ambiti della conoscenza. Una grande iniziativa mirata, soprattutto, al coinvolgimento delle nuove generazioni.

Alla consegna sono intervenuti il Sindaco Stefania Marchesini, l’assessore alla viabilità Romano Gaspari e il consigliere delegato alla Cultura Samuel Rossi.

Nella stessa giornata sono stati accolti nel nostro Club e spillati i seguenti nuovi soci: Paola Burato, Paolo Patruno, Francesco Magliarditi, Manlio d’Agostino Panebianco e Paolo Cottini.

La cerimonia si è tenuta a Montebello Vicentino, alla presenza anche dell’assistente territoriale Rotary Massimo Pretto e alla presidente dell’Inner Wheel “Sibilla De Cetto” di Padova.

27/01/2022
Giornata della Memoria

La Musica Rende Liberi”. Questo è il titolo dell’evento che il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ha organizzato nella chiesa paleocristiana dei S.S. Felice e Fortunato, a Vicenza, in collaborazione con l’Associazione Arsamanda, per sensibilizzare la comunità su quella che è stata la tragedia umanitaria della Shoah.

Il programma, presentato da Maurizia Piva, ha spaziato dalla musica alla lettura di documenti e di ricordi dei sopravvissuti.

La frase sopra citata, fil rouge, che ha collegato gli aspetti approfonditi nel corso della serata, era stata scritta da una ragazza ebrea, prigioniera in un lager, che sperava di sopravvivere grazie alla musica. Non è stato così!

Attraverso la sua storia e la storia di altre donne si è voluta ricordare l’esistenza, ancora oggi poco nota, di decine di migliaia di prigioniere, colpevoli di essere prima ebree, poi donne.

L’evento è stato dedicato proprio a loro, a quell’universo femminile silenzioso, ma si è posto anche l’accento sul ruolo che ha avuto la musica, o meglio il fare musica, in quell’inferno terreno che sono stati i campi di concentramento. Molti spettatori saranno stati profondamente e tristemente sorpresi nel sentire quanti prigionieri hanno cercato di trovare un po’ di sollievo o una ragione per resistere ai maltrattamenti disumani, suonando strumenti musicali di fortuna, formando piccoli gruppi di musicisti, arrivando a creare, in qualche caso, vere e proprie orchestre, a volte apprezzate perfino dai nazisti. In quel caso è capitato che, grazie al talento musicale, la condanna a morte sia stata posticipata, anche se di poco: un ulteriore esempio di crudeltà inaudita.

La narrazione è stata affidata alla scrittrice e storica Raffaella Calgaro, mentre protagonisti della parte musicale sono stati il violinista Alessandro Scaramella, il pianista Alessandro Marini, la soprano Paola Burato e il mezzosoprano Maria Giovanna Lazzarin.

04/12/2021
Voci liriche, organo e archi

Un Concerto in onore all’Immacolata nel tempo dell’Avvento: questa è stata la fonte ispiratrice per un’azione di beneficenza che il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro ha organizzato nella Chiesa di San Lorenzo, a Vicenza.

Un luogo di cristianità e armonia artistica al centro della città, costruito alla fine del XIII secolo in stile gotico nella versione lombardo-padana del Duecento e custodito fino al 2017 dai Francescani Conventuali. Ora il tempio è sotto la tutela della Diocesi di Vicenza.

Cenacolo scelto per favorire un’azione di aiuto, con una raccolta fondi, a favore di una famiglia in gravi difficoltà. Presente, in forma anonima, la mamma interessata. Un’azione sociale nella comunità che, in attesa del Natale, ha anche favorito un atteggiamento più sentito e rispettoso verso i valori della famiglia.

Presentati da Maurizia Piva, si sono esibiti otto artisti: i soprani Paola Burato, Simonetta Baldin e Violetta Svatnykh; il mezzosoprano Maria Giovanna Lazzarin; al violino Samuele Aceto; al violoncello Gianluigi Bernardi; all’organo Stefania Zanesco e Giuseppe De Lorenzo che hanno suonato e cantato brani di Franck, Verdi, Vivaldi, Mascagni, Mozart, Bach, Gounod, Glière e Adam.

Nella seconda parte del concerto è stato fatto anche un breve intervento per sensibilizzare il numeroso pubblico presente a favore dell’AIDO (Associazione Italiana Donazione Organi). Per l’occasione è intervenuta la presidente provinciale di Vicenza Paola Beggio.

03/11/2021
Donato un defibrillatore alla Comunità

Nel salone d’Onore del Municipio di Vicenza, alla presenza delle autorità civili e militari, il Rotary Club Passport D.2060 Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ha donato, mercoledì 3 novembre, un defibrillatore da istallare presso il Sacrario del Pasubio.

La cerimonia è stata organizzata per celebrare due importanti ricorrenze, quella dei “Cento anni del Milite Ignoto” e quella dei “ Cento anni della costituzione della Fondazione 3 novembre”, associazione che tutela e gestisce il Sacrario.

1921-2021: centesimo anniversario del Milite Ignoto. Secondo le istruzioni del Ministero le undici bare, con salme raccolte nei diversi luoghi ove si svolsero le battaglie della Grande Guerra, identiche per forma e per dimensioni, furono riunite nella Basilica di Aquileia, il 28 ottobre 1921, alle ore 11.00, alla presenza di rappresentanti delle istituzioni, dei mutilati di guerra, degli ex combattenti, delle madri e delle vedove dei caduti. A scegliere quella del Milite Ignoto fu Maria Maddalena Blasizza di Gradisca d’Isonzo, madre di Antonio Bergamas, caduto in battaglia e mai identificato. La bara del Milite Ignoto scelta attraversò l’Italia in treno, con tutti gli onori della popolazione, e fu inumata sull’Altare della Patria.

09/10/2021
Cerimonia per la costituzione del Club e visita del Governatore

La cerimonia di costituzione del Rotary Club Distrettuale, intitolato a Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, che si è svolta a Padova sabato 9 ottobre, ha rappresentato l’avvio ufficiale alla futura attività del Club, deciso a proseguire l’impegno nel diffondere la cultura rotariana che Paul Harris aveva iniziato nel 1905, a Chicago.

Tutti i soci del nuovo gruppo, nato il 7 luglio 2021, hanno desiderato iniziare i festeggiamenti con la deposizione di un mazzo di fiori sulla tomba di Piscopia che si trova nella Basilica di Santa Giustina, precisamente nella cappella di San Luca. Ad accogliere il gruppo è stato l’abate Giulio Pagnoni, il quale ha spiegato il rapporto di Piscopia con la Basilica e ha impartito ai presenti una benedizione.

Nel corso della mattinata i soci si sono, poi, trasferiti all’Università, dove si trova una statua commemorativa di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, a ricordo della sua laurea in Filosofia, conseguita nel 1678, e sono stati ricevuti nella Sala dei Quaranta dalla prorettrice Monica Salvadori, a nome della nuova Rettrice Daniela Mapelli. Dopo una ricca spiegazione storica sulle caratteristiche dell’Ateneo, da parte di una delle guide universitarie, il gruppo si è trasferito nella Sala Rossini del Caffè Pedrocchi, dove si è svolto un incontro con il governatore distrettuale Raffaele Antonio Caltabiano, per affrontare importanti argomenti relativi al coordinamento delle future azioni che il Club desidera affrontare a favore delle comunità.

Nel corso della festa è stata consegnata la Charta Costitutiva con la spillatura dei soci. Sono intervenuti, tra gli altri, il past Rettore dell’Università Rosario Rizzuto, la consigliera comunale Anna Barzon, l’assistente del Governatore Massimo Pretto e il pianista Antonio Camponogara.

Nell’occasione, la presidente del Rotary Club Galileo Galilei, Luky Dalena, ha consegnato al 93.mo Club Distrettuale Piscopia una Lanterna originale, proveniente dalla miniera di Marcinelle, dove, nel 1956, si è consumata la terribile tragedia, a tutti tristemente nota, che ha visto cadere 136 minatori italiani su 265 totali. Nell’incisione si legge: “Al nuovo Club la fiamma delle miniere, luce nelle tenebre, calore nel gelo e speranza nello sconforto. Vincenzo D.G.1997-1998“.

Importante passaggio di testimone per i nuovi Club Rotary, affinchè –conclude Padovan – le tragedie dell’umanità non diventino solo ricordi.

Lettera del governatore distrettuale Raffaele Antonio Caltabiano

27/09/2021
Partecipazione al progetto distrettuale del Rotary International: realizzazione e collocamento di un pannello visivo-tattile multi-sensoriale all’interno del cimitero degli Eroi di Aquileia

L’obiettivo del progetto è stato quello di far conoscere e valorizzare il Cimitero degli Eroi di Aquileia, a ridosso della Basilica di Santa Maria Assunta, cercando di praticare allo stesso tempo la cultura dell’inclusione, rivolgendosi quindi a quei cittadini che, a causa di disabilità sensoriali, hanno delle difficoltà a cogliere la forma e le caratteristiche peculiari di questo importante sito storico. (ottobre 2021).

25/09/2021
OTTOBRE ROSA 2021 “Prevenzione della salute di noi stessi e dell’ambiente”

Salute della donna e dell’ambiente: anteprima dell’Ottobre Rosa in Villa Cordellina Lombardi. Ospiti il dottor Graziano Meneghini, direttore della Breast Unit dell’Ulss 8 Berica, e il prof. Franco Secchieri, glaciologo.

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto